giovedì 28 Maggio
Alessandria
18.1°C

Running, il divieto può essere una soluzione? Il parere di tre esperti

Running, il divieto può essere una soluzione? Il parere di tre esperti

Ecco tre autorevoli punti di vista su un eventuale divieto totale: i pareri della dottoressa Gismondo (direttore presso l’ospedale Sacco di Milano), del professor Garattini (presidente dell’Istituto Negri) e del dottor Pagliara, segretario generale della Fidal

Continua a leggere l'articolo dopo il banner

Lo spirito dei provvedimenti fino ad oggi è stato quello di portare i cittadini a realizzare il cosiddetto isolamento sociale per impedire il diffondersi del contagio. Nella logica della salvaguardia della salute si era lasciato uno spazio per attività motoria individuale, tenuto conto come indicava anche il ministro dello sport Vincenzo Spadafora, del parere di scienziati, sul presupposto che la corsa è utile anche per altre patologie.

Il ministro però ha ribadito che “l’indicazione era ed è quella di stare a casa. E se questo appello non verrà ascoltato saremo costretti a disporre il divieto”.

Abbiamo chiesto tre punti di vista su un eventuale divieto totale: ecco i pareri della dottoressa Maria Rita Gismondo, del professor Silvio Garattini e del dottor Fabio Pagliara, segretario generale della Fidal (Federazione Italiana di Atletica), ossia, ripettivamente, il punto di vista di chi sta sulla frontiera più avanzata del contagio in Lombardia, di uno scienziato luminare delle scienze mediche, e di chi conosce molto bene il mondo del running.

La dottoressa Maria Rita Gismondo, direttore responsabile di microbiologia clinica virologia e diagnostica dell’ospedale Luigi Sacco.

Lei cosa ne pensa di un divieto assoluto di uscire a correre ?

“I messaggi che dobbiamo fare passare devono essere chiari. Il fine deve essere far capire a tutti, podisti compresi, il perché si deve tenere un comportamento. Se indichiamo un divieto senza spiegare in modo coerente le ragioni, corriamo il rischio che chi non lo ha capito fino ad oggi non lo capirà nemmeno dopo. Chi non capisce trova sempre un modo per superare il divieto”.

Dal suo punto di vista quindi cosa dobbiamo far capire esattamente.

“Che va tenuta una distanza tra le persone in modo costante. Questo è lo scopo.

Se io anche vieto ai podisti di andare a correre e poi li tengo a casa senza che abbiamo chiaro questo messaggio, magari passa il concetto che fare una festa coi vicini di casa è consentito mentre invece è proprio il contrario. Le persone devono tenere una distanza tra loro che eviti la trasmissione del contagio, quindi di almeno un metro. Non è l’atto in sé di correre che è pericoloso”.

Quindi lei non è convinta che il divieto sia lo strumento ?

“Io penso che in generale correre sia una cosa buona per le persone. Quello che va compreso è che anche correndo devi tenerti a distanza di sicurezza. Se vai a correre e puoi garantire questo, il problema per me non esiste. Faccio un esempio, se abiti in una baita in montagna e ti fai una corsa non esiste il problema. Il tema quindi non è correre o non correre, ma stare lontani”.

E se incroci qualcuno ?

Devi comunque stare distante.

Abbiamo sentito anche il prof. Silvio Garattini scienziato e farmacologo italiano, presidente e fondatore dell’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri”.

Professore, se arrivasse il divieto assoluto ?

“È una scelta che non condivido. Il tema è vietare gli assembramenti e tenere le distanze. Fare attività motoria, andare a camminare o correre fa bene alla salute, rinforza le difese immunitarie. Al contrario la sedentarietà non le aiuta”.

Si ma fino ad adesso non si è riusciti a far evitare assembramenti ?

“Allora puniamo chi non lo rispetta, ma perché impedire a tutti di fare un’attività sana ?”

Lei cosa farebbe ?

“Definiamo meglio quando, dove e come si può andare, stabiliamo pene serie per chi lo viola. Faccio un esempio. Se vuoi fare attività sana per il tuo fisico, allora anche mezz’ora o un ora sono più che adeguati. Non serve andare ore in giro. Stabiliamo dei limiti e poi esiste anche la tecnologia per controllare i movimenti, vediamo in questi giorni come si possono usare i GPS”.

Quindi lei è per consentire di correre a condizione che sia veramente per fare bene alla salute ?

“Certo, perché altrimenti non capisco proprio perché i tabaccai sono aperti mentre uscire a camminare o correre sia vietato. Dal tabaccaio compri le sigarette che sicuramente bene non fanno”.

Concludendo è importate il parere del dott. Fabio Pagliara, segretario generale della Federazione Italiana di Atletica.

Lei questo mondo lo conosce bene, quale punto di vista ha ?

“Non avrei mai immaginato che la corsa diventasse un tema così sentito in un momento di grande difficoltà per l’Italia e il mondo. Quando abbiamo parlato del ‘partito dei runner’ ci riferivamo proprio a questa maggioranza silenziosa, diventata rumorosa non appena è stata chiesta una limitazione alla libertà di correre”.

Sui divieti quindi che cosa sarebbe meglio fare ?

“Non si tratta di capire se si possa correre o meno da soli, al parco, in campagna, nel lungomare: si tratta di comprendere come questo sia un momento nel quale si chiedono sacrifici a tutti, runner compresi; se la percezione della gente è negativa rispetto a decine di runner che affollano le nostre strade, credo sia giusto fermarsi per il tempo necessario ad uscire da questa emergenza, decreto o non decreto.

Insomma potremmo mettere le nostre cetre sui salici in attesa di poter tornare a suonare ?

“Esatto, si tratta di fermarsi per ripartire quanto prima rivendicando spazi sempre più importanti per lo sport all’aria aperta, in Città liberate dalla morsa dello smog, attrezzate per ospitare il popolo dei runner. Gli sportivi devono rappresentare una avanguardia, anche di buon senso. Fermarsi lo è, ritagliando nella quotidianità delle quattro mura il tempo necessario per muoversi e fare un po’ di salutare attività fisica. Torneremo a infilare presto le scarpette, ne siamo certi”.

Fonte: https://running.gazzetta.it/news/18-03-2020/divieto-running-soluzione-tre-esperti-63941